L'alienazione genitoriale (sindrome di alienazione parentale) nel conflitto di coppia: il ruolo dell'avvocato e l'adozione di strategie deflattive del conflitto.


La sindrome di alienazione parentale o sindrome di alienazione genitoriale può essere conseguenza del conflitto di coppia durante la separazione o il divorzio e vedere pesantemente coinvolti i figli: il ruolo dell'avvocato nella rilevazione e nell'adozione di strategie di negoziazione o mediazione deflattive del conflitto.

Premesse ed alcune considerazioni deontologiche

Sebbene l'argomento sia, dal punto di vista del trattamento del caso concreto, di competenza di altre figure professionali piuttosto che di quella dell'avvocato, il fenomeno merita sicuramente di essere affrontato per la rilevanza che assume nel conflitto di coppia (nella separazione o nel divorzio) ed in particolare per i deleteri effetti che questo comporta nei confronti della prole.

Dunque, in una prospettiva di sensibilità deontologica tesa a non favorire o mantenere il livello di conflittualità della coppia, la comprensione della sindrome di alienazione genitoriale (dall'acronimo p.a.s. in lingua inglese parental alienation syndrome) può sicuramente essere utile per il professionista del settore legale al fine di adottare le opportune strategie di negoziazione o di mediazione, deflattive della conflittualità della coppia anche mediante il sostegno di competenze differenti e più specifiche.

Tanto in ragione del fatto, che in presenza d questa dinamica patologica della separazione (o del divorzio) l'avvocato, con la possibilità di continuo rapportarsi con almeno una delle parti, possa essere considerato quasi come una "vedetta" pronta a scorgere i segnali dello scompenso della coppia in crisi: il manifestarsi della sindrome di alienazione genitoriale è, infatti, spesso prodromico all'instaurazione di un contenzioso destinato al continuo inasprimento.

Definizione della sindrome di alienazione genitoriale

Che cosa è l'alienazione parentale o l'alienazione genitoriale? Nella coppia in crisi nell'imminenza della separazione, nel corso della stessa o anche in vista dell'instaurazione della procedura di divorzio (e comunque fuori da qualsiasi percorso di composizione del conflitto), si assiste ad un vero e proprio "scompenso" dei ruoli delle figure genitoriali attraverso l'attivazione di una specifica condotta, da parte di uno di essi nei confronti dell'altro, tramite la prole. Uno dei due genitori realizza una vera e propria campagna denigratoria (ma forse il termine denigrazione non è sufficiente) nei confronti dell'altro al fine di distruggere ed annullare il rapporto con il figlio: da genitori si passa ad essere considerati alienante (colui che pone in essere la strategia denigratoria) ed alienato (il genitore bersaglio).

I segnali relativi alla presenza delle sindrome di alienazione parentale (o genitoriale)

Come può l'avvocato riconoscere tale situazione ed adottare le necessarie azioni (credo che in una concreta prospettiva di dissociazione deontologica si possa giungere anche alla rinuncia al mandato!)?

I segnali sono piuttosto specifici, ed in termini assoluti (senza cioè riferirli alla fonte alienante o alienato), in buona sostanza sono:





  • figlio che manifesta apertamente mancanza di rispetto o disprezzo delle qualità di un genitore senza che l'altro (che è agevole identificare con l'alienante) manifesti la sua disapprovazione;


  • il figlio descrive in modo illogico o irrazionale l'astio o il disprezzo nei confronti del genitore alienato;


  • la descrizione delle figure genitoriali avviene mediante una netta scissione ed univoca attribuzione delle qualità: un genitore è tutto il peggio che ci possa essere (l'alienato), l'altro (l'alienante) ha tutte qualità positive;


  • si assiste ad vero e proprio schieramento incondizionato a favore del genitore alienante senza che sia possibile alcun sovvertimento delle posizioni;


  • il figlio è "convinto" che il giudizio negativo nei confronti del genitore alienato sia frutto di una sua elaborazione esclusiva;


  • è agevole notare come le descrizioni dei contesti del conflitto o degli accadimenti che hanno portato alla formulazione di un giudizio negativo da parte del bambino nei confronti del genitore oggetto della strategia di alienazione siano frutto (importante la terminologia descrittiva) di un vero e proprio indottrinamento da parte dell'altro genitore che ha letteralmente "somministrato" storie;


  • tutto viene riferito senza che venga a manifestarsi alcun senso di colpa o che ci possa essere la minima consapevolezza della vera e propria frantumazione della relazione;


  • la campagna di allontanamento, denigrazione e sistematica distruzione della figura del genitore alienato viene ad estendersi anche al contesto sociale che questo può portare nella sfera del figlio (parenti, amici, nuova compagna o compagno).

Argomenti correlati

Centro assistenza e supporto alla famiglia: servizio di assistenza e consulenza legale e psicologica alla coppia coniugale o coppia di fatto in vista della crisi del rapporto, della separazione o del divorzio, ma anche per affrontare le tematiche dell'adozione, dell'affidamento, della potestà genitoriale.

La deontologia dell'avvocato nelle questioni inerenti la famiglia

L'affidamento condiviso nella previsione della legge 8 febbraio 2006 n.54 a cinque anni dall'entrata in vigore.

Il mobbing familiare: una diversa configurazione del fenomeno dei maltrattamenti in famiglia.

La mediazione familiare

Altre Iniziative

L'informazione giuridica e legale per tutti:il portale per gli approfondimenti nelle materie del diritto della famiglia (separazione e divorzio), diritto penale e penale minorile e la tutela del consumatore.

Servizi di consulenza legale ON-LINE: lo Studio legale offre, mediante la compilazione degli appositi modelli di richiesta, la possibilità di usufruire di un servizio di consulenza legale on line.

Il formulario civile e penale: atti predisposti nelle materie del diritto civile e del diritto penale, modulistica varia.