Federica Bretti

Il cognome materno
« il: Maggio 28, 2013, 06:17:38 pm »
In Italia il cognome viene assegnato al momento della dichiarazione di nascita per l'iscrizione del nuovo nato nel registro comunale dello stato civile, se il neonato è figlio di genitori sposati prenderà sempre il cognome del padre, e solo quello, anche se nel codice civile questa norma non è espressa. L'automatica acquisizione del solo cognome paterno è frutto di antica regola radicata nella coscienza sociale e nella tradizione.
L’ attuale sistema è frutto di una concezione patriarcale che mal si concilia con il principio costituzionale della parità dei sessi.
L’ attribuzione del cognome del padre risulta essere più che altro una consuetudine, abbiamo la possibilità di aggiungere al cognome paterno, il cognome della madre come previsto dagli art. 84 e ss. del DPR 396/2000, ciò però solo se si dimostra un motivo fondato.
Questa richiesta risulta ancora molto macchinosa e richiede tempi lunghi.
Per le coppie di fatto: se si desidera che il figlio abbia il cognome della madre, il padre dovrà riconoscere il figlio solo DOPO che il cognome materno sarà stato attribuito,
Per le coppie coniugate: esiste una sorta di piano B, si potrà attuare il cambio cognome e risolvere almeno in parte il problema...
Troppo poco!
Nonostante numerose raccolte firme e petizioni, ad oggi non c è  ancora la possibilità di assegnare al momento della registrazione della nascita presso lo stato civile, al proprio figlio il cognome della madre in una coppia sposata.
E’ necessaria una legge che tenga anche conto del fatto che i due coniugi potrebbero essere discordi e che in caso di contenzioso venga assegnato il cognome secondo precise condizioni.
Bisogna adoperarsi affinché sia finalmente approvata una normativa chiara e certa sulla possibilità di scelta del cognome, che sia quello del padre o della madre o di entrambe, così che sia superata l’ attuale legislazione.
Si tratta di una battaglia fortemente simbolica, che solleciti ad intervenire soprattutto nelle materie che riguardano il diritto di famiglia, il quale sempre più spesso necessita di una profonda revisione.
« Ultima modifica: Maggio 29, 2013, 08:47:54 am da Francesco Paternostro »