UtenteAnonimo

continui litigi e comportamento violento del coniuge
« il: Gennaio 14, 2014, 02:09:19 pm »
Ho 51 anni e sono sposato da 3 anni e 6 mesi, dopo soli 3 mesi dal matrimonio la prima lite e dopo tante e tante, ho scoperto così un lato oscuro di mia Moglie. Mia Moglie è 12 anni più giovane di me è Laureata  con il massimo dei voti, una persona molto intelligente e colta, per sua stessa ammissione, con un carattere fortemente narcisista, con gravi problemi di stabilità nei rapporti interpersonali e tanto probabile causa di questo quadro caratteriale, sinteticamente riportato, un infanzia molto difficile.
In più occasioni mia Moglie è anche pressa da veri e propri attacchi di rabbia furiosa, durante questi attacchi è capace di far male e tirarmi oggetti contro, rompere piatti e tutto quello che le capita a tiro, mi sono visto costretto per diverse volte a chiamare Carabinieri e Polizia per placarla e uscire di casa per evitare il peggio.
Nei momenti di pace impone regole sotto minacce continue di dare sfogo al peggio del peggio, in pratica sono diventato vittima di mia moglie.
Quando c'è la pace, basta uno sguardo alla televisione su un immagine femminile per scatenare una vera e propria guerra, se appare un immagine femminile in tv devo voltare il viso e ricevere l'autorizzazione per continuare a guardare o si cambia programma, devo usare sempre un tono servile ed umile altrimenti dice che l'aggredisco ad ogni giorno che passa impone nuove regole e la mancata osservanza diventa una guerra.
Sono frustato da una situazione che dopo anni di tentativi e di ricerca della pace, mi vedono ferito nella mente nel corpo e nel morale.
Ora dopo l'ultima lite avvenuta recentemente e proseguita per tutta la giornata sino alle 8 del giorno dopo il 9, per cercare un pò di pace, ho dovuto chiamare nuovamente il 113 e chiedere aiuto, mi sono dovuto allontanare da casa (la casa è di mia proprietà) mia moglie non lavora io si e per evitare di spendere soldi son costretto a fare 5,30 ore di viaggio al giorno 400km per andare a lavorare . Purtroppo mia moglie per i motivi di cui sopra e per manie di grandezza non lavora e non percepisce reddito.
Vorrei fermare tutto questo e cercare un modo per uscire da questo inferno cosa posso Fare ???

Federica Bretti

Re:continui litigi e comportamento violento del coniuge
« Risposta #1 il: Febbraio 21, 2014, 11:33:51 am »
Il problema rappresentato è certamente molto complesso.... da quanto emerge dal racconto è una situazione di comvivenza davvero difficile da sostenere anche nel breve periodo.
Possibili soluzioni possono essere il tentativo di un percorso di terapia di coppia nella prospettiva di poter valutare con l'assistenza di un professionista la possibilità di una prosecuzione del rapporto attraverso un vero approccio terapeutico; viceversa la via della separazione costituisce la soluzione certamente più radicale.
In ogni caso ritengo, anche se in assenza di figli, possa essere utile l'approccio tipico della mediazione familiare come primo passo attraverso il quale decidere, possibilmente in modo congiunto, la via ulteriore da percorrere.

Può trovare utili riferimenti in questa pagina.